HOME PAGE

sabato 24 settembre 2016

LE COSE PERDUTE E QUELLE RITROVATE


Dal mensile IN ASPROMONTE di settembre 2016


Antonio Scarfone è un artista autentico. Le sue opere futuriste, le sue intuizioni, fanno parte di un modo di essere. Egli non insegue la scena o la notorietà. Ma quest’estate, nel Borgo antico di Sant’Agata del Bianco, ha deciso di aprire a tutti la porta della sua casetta in pietra, da lui stesso ristrutturata. Essa si trova proprio nella piazzetta descritta da Saverio Strati nel romanzo “Tibi e Tascia” e all’interno sono sistemati, come in un’esposizione permanente, oggetti della civiltà contadina di cui nessuno ha più memoria. Ecco perché ci  piace definire questo posto: Museo delle cose perdute.

Ed è singolare lo stupore nell’ammirare manufatti e arnesi che la gente ha buttato via e che Antonio Scarfone ha recuperato, ripulito e valorizzato. Gli artisti sono così, riescono a vedere prima di altri ciò che nessuno vede. E qualche volta sono anche capaci di ridarci qualcosa di cui ci eravamo disfatti senza troppe domande. Si tratta di “resti” che, in passato, i nostri nonni adoperavano abilmente. 

Il “Museo della cose perdute” è, pertanto, il simbolo di un mondo dove tutto era strettamente prezioso e necessario, prima che arrivasse il momento di voltarsi dall’altra parte e di aderire “all’orrendo universo del consumo”, convinti, in questo modo, di aver finalmente vinto. 


DOMENICO STRANIERI